La storia di Affori sulle serrande - Milano - Urban Art


Scritto da gea-staff
pubblicato il 14/05/2018 aggiornato il 24/05/2018
Categoria: iniziative artistiche
Letture: 630 ( Aggiornato il: 18/04/2019 14:05 )
iniziative artistiche
Credits:

L'iniziativa artistica La storia di Affori sulle serrande nasce nel 2017 da un'idea originale di una cittadina afforese, appassionata di arte, Maria Anna Caracciolo, e si pone l'obiettivo di far rivivere la storia del proprio quartiere attraverso vecchie foto riprodotte sulle saracinesche dei negozi per le vie di Affori

Il progetto che segue una precisa ed accurata contestualizzazione storico-stradale, serranda dopo serranda, sta rivalorizzando il borgo rendendolo un'attrazione a cielo aperto: un salto nel passato fra monumenti, antichi mestieri, luoghi storici etc.. Il tutto rigorosamente in bianco e nero. 


Affori è un quartiere di Milano, appartenente al Municipio 9, con una lunga storia risalente fin dagli inizi del 1300. Come attestato negli Statuti delle acque e delle strade del contado di Milano, Affori era un ducato dove l'attività economica principale era agricola, in particolar modo la coltivazione del gelso e l'allevamento dei bachi da seta; due attività fortemente collegate fra loro (il gelso è il cibo preferito dei bachi, ndr).

Lo sviluppo di Affori iniziò ad espandersi in concomitanza con la costruzione di strade, linea tranviaria a cavalli (1882) e, intorno al 1925-1930, anche di una stazione ferroviaria, che permisero alla cittadina di diventare il centro principale della zona. 
Lo storico borgo afforese ha anche una lunga tradizione nobiliare che risale al 1686, anno in cui si insediò il primo feudo del Marchese Corbella, e ancora oggi rappresenta un luogo di interesse culturale-artistico grazie alla presenza della Chiesa di Santa Giusta, Villa Litta (costruita dal marchese Corbella), la Torre (di guardia) medievale etc..
Nel 1923 Affori venne inglobata nel comune di Milano. 

Il progetto artistico ideato e promosso da Maria Anna Caracciolo mira proprio di far rivivere, soprattutto ai giovani e turisti, la lunga storia e tradizione afforese rispolverando antichissime foto del borgo e riproducendole nelle serrande dei negozi che aderiscono all'iniziativa. Il tutto contestualizzato in ogni singola via.
La cosa che colpisce di più, e che rende il progetto degno di nota, è che Maria Anna Caracciolo ha iniziato e sta portando avanti l'intera iniziativa da sola: dal minuzioso ed accurato lavoro di raccolta delle informazioni storiche alla scelta del soggetto da riprodurre, dal casting degli artisti al reclutamento dei committenti, dalla direzione dei lavori al supporto mediatico e promozionale e così via. E tutto questo non soltanto ad Affori ma anche nei quartieri limitrofi che hanno apprezzato l'iniziativa come, ad esempio, Dergano, Bovisa e nella stessa Milano.

Come è nata l'idea del progetto artistico La storia di affori sulle serrande?
Maria: << Il progetto è nato mentre passeggiavo per il mio quartiere. Quante volte mi sono chiesta osservandolo come poteva essere 70 o 80 anni fa fino ad arrivare a qualche secolo prima: strade non percorse dal traffico, la vita nelle corti, i personaggi storici che hanno vissuto nella nostra Villa Litta, abitata dalla migliore nobiltà dell’italia del nord come i Corbella, i Taccioli, gli Osculati, Ii Litta modignani, i Belgioioso. Opere d’arte nella nostra chiesa Santa Giustina. Il trasformarsi da piccolo borgo a comune e poi inglobarsi nella grande Milano. Anche Manzoni dalla vicina Brusuglio veniva ad Affori nei salotti letterari della villa. Le cascine con le famiglie che si aiutavano nella loro decorosa povertà; i mestieri antichi, gli artigiani di strada. >>

Come è iniziato questo percorso storico-artistico?
Maria: << Ho deciso di andare a sfogliare alcuni libri scritti da un nostro storico che conserva gelosamente l’archivio di secoli che ci riguarda. Il sig. Luigi Ripamonti, un mito. Ho voluto bussare alle porte degli esercenti della zona e presentare il mio progetto: dipingere le loro saracinesche riproducendo il più fedelmente possibile vecchie foto. >>

Come hanno reagito gli esercenti?
Maria: << I negozianti hanno aderito affascinati. Le saracinesche diventano così tele e sopra di esse i ragazzi del team da me formato, tutti provenienti dall’accademia di Brera o dal liceo artistico Boccioni di Milano, riproducono il più fedelmente possibile i soggetti scelti dai committenti. >>

Quali sono criteri di selezione delle opere e le modalità di lavoro?
Maria: << Ogni esercente può scegliere tra le foto che vengono loro presentate ma che devono essere obbligatoriamente contestualizzate alla strada dove risiede l’esercizio. Doverosamente in bianco e nero o seppiato poiché negli anni 60 a retrocedere non esisteva il colore. Il bianco e nero evoca per me un fascino particolare. L’esercente provvede a definire la parte amministrativa con l’artista (con regolari ricevute fiscali) e insieme stabiliscono la tempistica del lavoro. Si lavora di domenica poiché le serrande sono abbassate. I ragazzi da ottobre 2017 hanno lavorato anche con neve e freddo. Il guadagno di questi lavori permette loro di finanziare anche se in piccolissima parte i costi degli studi all’università o provvedere ad una integrazione di un lavoro precario. Ho voluto offrire loro una chance per dimostrare le loro capacità artistiche. >>

Principalmente, di cosa ti occupi?
Maria: << Io provvedo a ricercare i committenti e a seguire i ragazzi durante lo svolgimento del dipinto. Ho conosciuto pian piano la loro vita, le loro aspirazioni, le loro ansie ed ho imparato ed imparo umanamente tantissimo. >>

Come vengono selezionati gli artisti?
Maria<< Ai ragazzi non chiedo la loro tessera di partito, la loro religione e non faccio assolutamente distinzione sul colore della pelle. Desidero solo siano capaci di dipingere ed avere molta buona volonta. A loro chiedo un rimborso spese per le cartucce stampanti e carta. Il tempo che metto a disposizione per il progetto è diventato tale da non concedermi più alcun fine settimana libero ma sono felice dei risultati. >>

I giovani-artisti come possono aderire al progetto?
Maria: << Tanti ragazzi desiderano entrare nel team. A loro chiedo innanzitutto di inviarmi il materiale di lavori già eseguiti e scelgo chi ritengo pùi idoneo. Poi li incontro e cerco di conoscere la loro personalità. Ora sono in sei ma per strada, alcuni si sono ritirati per motivi di studio o perché ho ritenuto non potessero più far parte del team. Ci sono regole che desidero vengano rispettate. La tempistica data al committente e la assoluta coerenza nel dipingere in bianco e nero. Non sono ammessi accenni di colore. Non sono ammesse bombolette spray perché desidero vederli dipingere con pennelli e, soprattutto, chiedo ci sia collaborazione tra loro. Non devono esserci prime donne. >>

Fino ad oggi quante serrande avete dipinto?
Maria: << Nel quartiere sono state dipinte da ottobre 40 serrande e ci siamo spostati anche in quartieri limitrofi perché entusiasti del progetto. >>

Quali sono i tuoi rapporti con i mass-media, amministrazione, associazioni della zona?
Maria: << Non ho chiesto aiuti o agevolazioni in ambito politico. Non per presunzione ma perché l’iter è sempre lungo e difficile. Il rapporto diretto con un committente privato permette un più agevole svolgersi nella realizzazione del progetto.

Hai altri progetti in mente?
Maria: << Ho ancora nel cassetto un Progetto Murales che desidero mettere in atto. Una sorta di esposizione plein air di immagini di come eravamo su una cinta muraria di una casa di cura nel quartiere. Sto allestendo una mostra di dipinti di ragazzi del quartiere dai 6 ai 13 anni. Ho chiesto loro di disegnarmi come vedono il luogo che vivono e come lo vedrebbero in futuro. Tutto si collega al mio progetto serrande sulla storia di affori come pure le interviste concessemi da datati afforesi che raccontano il loro vissuto. Le raccoglierò per farne un piccolo libro: un’ interessante retrospettiva su come eravamo .Tutto viene da me pubblicato in diversi siti del municipio 9 ottenendo grande successo poiché i cittadini della zona si identificano nel racconto e rievocano i loro ricordi. Mi sono già state fatte interviste su quotidiani nazionali. Non posso dirmi completamente soddisfatta poiché qualche altro progetto è in embrione. >>

Ci puoi raccontare qualche curiosità o aneddoto accaduto durante questa esperienza?
Maria: << E’ bello vedere persone che passeggiano per Affori di domenica e si fermano a commentare i dipinti. Si ascoltano le loro storie vissute nel periodo della foto dipinta. Talvolta capita di asssistere a piccole divertenti discussioni sul loro passato. Tanti fanno anche selfie davanti alle saracinesche dipinte.

Un progetto originale e di impatto. Cosa provi nel vedere la tua iniziativa riscuotere un simile successo?
Maria: << Che dire? Un successo che onestamente non avrei mai immaginato di questa portata! Un progetto che ritengo unico sia nella realizzazione che nell’evocazione di emozioni. Sono orgogliosa dei miei ragazzi! Sono orgogliosa di essere Afforese. >>


Vi lasciamo con un pensiero espresso da Maria che crediamo renda bene l'idea e l'essenza di questa straordinaria iniziativa.

<< Sono afforese di adozione - ci racconta con fierezza Maria - ma amo tantissimo il mio quartiere. Qui ho vissuto gran parte della mia vita. Mi è difficile accettare di vedere avanzare qualsiasi forma di degrado nel luogo dove si vive. La periferia dove vivo è nonostante tutto ancora una piccola isola felice in confronto ad altre. Io desidero dare ad Affori un po' di luce e bellezza. La merita perché ha una storia fantastica. Una storia di cui essere orgogliosi. I dipinti sulle saracinesche sono un’esposizione del nostro passato. Un passato da rispettare e far rispettare. >>



RIPRODUZIONE RISERVATA - © Copyright, all rights reserved

Riferimenti /Ringraziamenti


Scopri gli interventi artistici realizzati per le vie di Affori: visualizza le serrande dipinte

La storia di Affori sulle serrande - VIDEO

Leggi e scopri alcune curiosità su Affori.


Tags

#tr707 #affori #milano #lombardia #annamariacaracciolo #lastoriadiafforisulleserrande #streetart

Scopri tutti gli aggiornamenti

Legenda
Aggiornamento
Indica che c'è un aggiornamento importante che vi consigliamo di leggere.
Seleziona la foto e poi, nella descrizione laterale, clicca su Leggi i dettagli
Aggiornamento
Indica la tua attuale posizione nella gallery
Full Screen
<< Per ovvie ragioni negli articoli non vengono svelati tutti i dettagli delle opere.
Se in zona sono previste visite guidate "autorizzate" vi consiglio vivamente di prenotarle per una full immersion fra colori, informazioni e curiosità (alcune volte trovate i loro banner in questa pagina).
La maggior parte delle associazioni investono le quote dei biglietti per finanziare e sostenere ulteriori progetti di riqualificazione artistica urbana.
Quindi, approfittatene!

PS: Ovviamente non dimenticatevi di seguire l'artista o chiedere ulteriori dettagli e/o curiosità direttamente a lui! >>
Diego Magrì (gea-staff)
 
PARTECIPA!

Partecipa a GeaTracks

Se conosci un'opera o un'iniziativa artistica, se possiedi una foto migliore, se conosci un dettaglio o un particolare non documentato, se hai rilevato un'inesattezza etc..

contattaci subito!


Aggiorneremo la traccia e - se vorrai - ti citeremo per il contributo.

Aiutaci a raccontare, valorizzare e promuovere il territorio!

 
TOP10 - Le più lette
murales

Un murale, tre donne e una antichissima tradizione orgolese

Barbara Contu,Teresa Podda

Letture: 2866

pedrales

Il pastore a riposo - Orgosolo - Nuoro - Sardegna

Francesco Del Casino

Letture: 2476

 
Fotografi - Copyright

Fotografi (198)

Scatti (948)

 
Ultima ora: Le più lette
 
Ultime pubblicazioni
murales

Loceri sotto le stelle - Omaggio alle tradizioni vinicole

Fabrizio Maccioni,Francesco Argiolu,Mirko Loi,Bobo Piseddu,Massimiliano Ibba,Franco Conca

statue e sculture

Antonio Santacroce