Ulisse e Polifemo


Scritto da gea-staff
pubblicato il 15/09/2016 aggiornato il 02/08/2017
Categoria: miti e leggende
Letture: < 200 ( Aggiornato il: 20/02/2019 20:05 )
miti e leggende
Credits:

Ulisse nella mitologia classica è il re di Itaca, uno dei condottieri che guidarono 
l’esercito greco alla conquista di Troia. 
Durante il viaggio di rientro dopo la grande guerra, come narra Omero nell'Odissea, Ulisse e i suoi compagni sbarcarono nell'Isola delle Capre.

Dopo un giorno di permanenza l'eroico guerriero decise di perlustrare l'intera isola conosciuta soprattutto per i suoi abitanti: i ciclopi, giganti con un occhio solo al centro della fronte.
Giunto di fronte alla grotta più grande dell'isola, spinto dalla curiosità, si addentrò insieme ai suoi compagni e vennero tutti fatti prigionieri dal più temuto e feroce dei ciclopi: Polifemo, figlio della ninfa Toosa e di Poseidone (dai latini chiamato Nettuno), fratello di Zeus (Giove), re dell’Olimpo. 

Polifemo li imprigionò bloccandoli all'interno della grotta posizionando un grande masso all'ingresso per impedirne la fuga. Quando aveva fame prendeva due uomini a caso e li mangiava in un sol boccone.

Ulisse, a quel punto, architettò il piano per la fuga con grande astuzia. 
Prima recuperò all'interno della grotta un ramo di ulivo e lo trasformò in una lancia ben affilata. La sera, quando il gigante fece ritorno nella grotta dopo il pascolo, gli offrì del buon vino con l'intento di farlo ubriacare. 
Colpito dal gesto generoso Polifemo chiese ad Ulisse come si chiamasse e gli promise di mangiarlo per ultimo. 
L'eroe, anche in questo caso, rispose con prontezza ed astuzia: "Il mio nome è Nessuno".

Dopo la gran bevuta il gigante si appisolò ed Ulisse, insieme ai suoi compagni, lo accecarono con la lancia rovente infilzandola al centro dell'occhio.
Sopraffatto dal dolore, e non potendo più vedere, Polifemo cominciò ad urlare e chiamare in suo soccorso gli altri fratelli ciclopi: "Aiutooo! Nessuno mi ha ferito! Nessuno mi ha ferito!!".

Gli altri fratelli accorsero all'ingresso della grotta ma sentendo che "nessuno" lo aveva ferito ed immaginando fosse solo ubriaco, risero, si voltarono ed andarono via.

All'indomani quando Polifemo, come ogni mattina, aprì la grotta spostando il gran sasso per far uscire le pecore Ulisse mise in atto la seconda fase del suo piano. Ognuno di loro si aggrappò al ventre delle pecore e sfilarono davanti al gigante senza farsi notare. Una volta fuori dalla grotta corsero verso la nave attraccata a riva e tentarono di prendere il largo.

Il gigante non riuscendo a vedere bene si innervosì e, quando si accorse della fuga, corse sul promontorio cercando di affondare la nave con il lancio di grandi massi insieme ad uno dei suoi fratelli (Bronte) accorso in suo aiuto. 
Quando Ulisse giunse nei pressi di Taormina i ciclopi, infuriati, nel tentativo di affondare la nave, afferrarono alcune cime delle colline a loro vicine e le scagliarono in direzione della voce del re di Itaca. Ma anche questi tentativi fallirono. Ed Ulisse riuscì a prendere il largo.

Ma è proprio in questo momento che il re di Itaca commise il grande errore che attirò la maledizione del ciclope Polifemo. Infatti quando oramai si sentita "salvo" urlò e svelò al gigante il suo vero nome.
A quel punto l'ira del ciclope aumentò e, furioso, invocò l'aiuto del padre Poseidone, il Dio del mare: << Padre fa che Ulisse soffra come io sto soffrendo e giunga in patria dopo infinite peripezie, senza navi e senza compagni. >>

E così fu. Ma nonostante varie peripezie ed (dis)avventure, Ulisse riuscì a tornare in patria. 


Ancora oggi è possibile vedere le cime lanciate dai ciclopi, Polifemo e Bronte, a pochi metri di distanza dalla costa di Acitrezza: i famosi faraglioni dei Ciclopi.

RIPRODUZIONE RISERVATA - © Copyright, all rights reserved

Tags

#tr340 #leggende #ulisseepolifemo #leggendaulisseepolifemo #isoladellecapre #omero #odissea #acitrezza #faraglionideiciclopi

Scopri tutti gli aggiornamenti

Legenda
Aggiornamento
Indica che c'è un aggiornamento importante che vi consigliamo di leggere.
Seleziona la foto e poi, nella descrizione laterale, clicca su Leggi i dettagli
Aggiornamento
Indica la tua attuale posizione nella gallery
Full Screen
<< Per ovvie ragioni negli articoli non vengono svelati tutti i dettagli delle opere.
Se in zona sono previste visite guidate "autorizzate" vi consiglio vivamente di prenotarle per una full immersion fra colori, informazioni e curiosità (alcune volte trovate i loro banner in questa pagina).
La maggior parte delle associazioni investono le quote dei biglietti per finanziare e sostenere ulteriori progetti di riqualificazione artistica urbana.
Quindi, approfittatene!

PS: Ovviamente non dimenticatevi di seguire l'artista o chiedere ulteriori dettagli e/o curiosità direttamente a lui! >>
Diego Magrì (gea-staff)
 
PARTECIPA!

Partecipa a GeaTracks

Se conosci un'opera o un'iniziativa artistica, se possiedi una foto migliore, se conosci un dettaglio o un particolare non documentato, se hai rilevato un'inesattezza etc..

contattaci subito!


Aggiorneremo la traccia e - se vorrai - ti citeremo per il contributo.

Aiutaci a raccontare, valorizzare e promuovere il territorio!

 
TOP10 - Le più lette
murales

Un murale, tre donne e una antichissima tradizione orgolese

Barbara Contu,Teresa Podda

Letture: 2837

pedrales

Il pastore a riposo - Orgosolo - Nuoro - Sardegna

Francesco Del Casino

Letture: 2442

 
Fotografi - Copyright

Fotografi (198)

Scatti (948)

 
Ultima ora: Le più lette
murales

I custodi del Tempo

Giulio Ledda

 
Ultime pubblicazioni
murales

Loceri sotto le stelle - Omaggio alle tradizioni vinicole

Fabrizio Maccioni,Francesco Argiolu,Mirko Loi,Bobo Piseddu,Massimiliano Ibba,Franco Conca

statue e sculture

Antonio Santacroce