Antichi mestieri serramannesi - Società Operaia 1908


Scritto da gea-staff
pubblicato il 06/12/2017 aggiornato il 15/01/2018
Autore: Marina Putzolu
Categoria: murales
Letture: < 200 ( Aggiornato il: 20/07/2019 00:05 )
murales
Credits: Paolo Casti

L'opera murale, intitolata Antichi mestieri, è stata dipinta a Serramanna nel periodo maggio-agosto 2017 dalla docente-artista serramannese Marina Putzolu, figlia del noto vignettista de L'Unione Sarda, Franco, presso la sede di Società Operaia, una società di mutua assistenza fra operai e artigiani fondata nel 1908.

L'intervento, inaugurato il 29 settembre 2017, rientra nel progetto scolastico Alternanza Scuola Lavoro che ha visto la partecipazione del liceo artistico Foiso Fois di Cagliari, l'Istituto Buonarroti di Guspini-Serramanna e i bambini della 2°A della Scuola Primaria Silvio Pellico e dell’infanzia degli Evaristiani.


Serramanna ha onorato attraverso una grande opera murale un proprio pezzo di storia raffigurando gli antichi mestieri che hanno caratterizzato la comunità serramannese negli anni: il barbiere (in sardo, su baberi), il ciabattaio (su sabatteri), il falegname (su maistu 'e linna), il fabbro (su ferreri), il sarto (su maistu 'e pannu) etc.. Gli stessi mestieri dei 40 lavoratori [1] che, il 4 aprile 1908, hanno fondato la Società Operaia di Mutua Assistenza fra Operai ed Artigiani di Serramanna con lo scopo di supportare il lavoratore in caso di necessità: infortuni sul lavoro, malattie, guerra, povertà etc.. 

Il murale, dipinto nella parete della storica sede della Società Operaia, rappresenta anche un'occasione per riflettere sul destino di queste attività che rischiano di essere dimenticate per sempre a causa dell'evoluzione e della globalizzazione del mercato. 

Gli artigiani che incontravamo passeggiando in paese, chiusi nelle proprie botteghe, erano dei veri e propri custodi di un'arte preziosa che veniva tramandata negli anni da generazione in generazione. La loro professionalità era ad ampio raggio: un po' scienziati, un po' inventori, un po' ingegneri; veri e propri esperti del settore e, per queste ragioni, venivano etichettati con l'appellativo "il Maestro" (su maistu). Un vero punto di riferimento per tutta la comunità. 

Avevi un problema? C'era sempre un Maestro pronto a trovare una soluzione a tutto.
Pensate ad esempio a su maistu 'e carru, cioè colui che costruiva o riparava i carri trainati dagli animali (buoi, cavalli..). Sempre pronto ad ingegnarsi per rendere più agevole il lavoro dei propri compaesani o per creare una riparazione ad hoc per risolvere qualsiasi problema.
Oppure provate a pensare a su sabatteri, chinato nella seggiola della propria bottega, sempre intento a riparare una scarpa. Avete dimenticato, per caso, l'odore del lucido per scarpe? 
Ricordate anche quale era un altro storico punto di incontro per la comunità oltre, ovviamente, al classico bar? Il barbiere. La sua sala d'attesa era quasi sempre piena e, tra un taglio e l'altro, si passavano ore a chiacchierare, sfogliare riviste e a confrontarsi sui vari problemi del paese o della società in genere. E questi sono solo alcuni esempi.

Purtroppo tutte queste attività sono in via di estinzione a causa del progresso tecnologico, della diffusione delle grandi catene e delle produzioni di massa. Queste preziose arti, invece, richiedevano tempo, dedizione, passione e tantissimi sacrifici. Nulla a confronto con gli attuali grandi centri commerciali. Oggi, ad esempio, se si rompe una scarpa si corre subito in uno dei tanti negozi dalla vasta scelta, di qualità e prezzo, e la si compra direttamente nuova. Gesti freddi, distaccati, frutti tipici del consumismo e della frenesia della nostra attuale società. 
Una volta, invece, quando si varcava la soglia di una bottega, ci si ritrovava in un ambiente familiare, accogliente e, spesso, comprensivo e solidale. Nell'attesa si scambiavano "quattro chiacchiere" sul più e sul meno, spesso su eventi e storie di paese. Ma soprattutto, se qualcuno si trovava in difficoltà nel saldare il conto sul momento, ci si veniva incontro, ci si faceva credito o, in taluni casi, lo si barattava con altri prodotti. 

Guardando questa parete dipinta, il pensiero va immediatamente a questi ricordi. Ricordi di una società ormai lontana magistralmente dipinta dall'artista Marina Putzolu, figlia del noto vignettista de L'Unione Sarda, Franco, e docente presso l'Istituto artistico Foiso Fois di Cagliari.
L'intervento artistico, inaugurato il 29 settembre 2017, rientrava nel progetto scolastico Alternanza Scuola Lavoro che ha visto partecipare il liceo artistico Foiso Fois, l'Istituto Buonarroti di Guspini-Serramanna e i bambini della Scuola Primaria 2°A del Silvio Pellico e dell’infanzia degli Evaristiani.

Se ci dovessimo fermare un attimo a riflettere, secondo voi, questo cambiamento socio-economico ha rappresentato realmente un progresso?



Approfondimenti
[1]: Le categorie dei 40 lavoratori-fondatori erano: muratori (9), falegnami (5), fabbri ferrai (5), bottai (5), carpentieri (4), barbieri (3), sarti (3), fuochista (1), calzolaio (1) e dolciere (1). Al conteggio bisogna aggiungere il notaio e i due testimoni presenti all'atto.

RIPRODUZIONE RISERVATA - © Copyright, all rights reserved

Riferimenti /Ringraziamenti

Martina Putzolu

Alternanza Scuola Lavoro 

Ringraziamo per il contributo anche:

Roberta Contu

Tags

#tr629 #serramanna #sardegna #martinaputzolu #2017 #societaoperaia #alternanzascuolalavoro #antichimestieri #robertacontu

Scopri tutti gli aggiornamenti

Legenda
Aggiornamento
Indica che c'è un aggiornamento importante che vi consigliamo di leggere.
Seleziona la foto e poi, nella descrizione laterale, clicca su Leggi i dettagli
Aggiornamento
Indica la tua attuale posizione nella gallery
Full Screen
<< Per ovvie ragioni negli articoli non vengono svelati tutti i dettagli delle opere.
Se in zona sono previste visite guidate "autorizzate" vi consiglio vivamente di prenotarle per una full immersion fra colori, informazioni e curiosità (alcune volte trovate i loro banner in questa pagina).
La maggior parte delle associazioni investono le quote dei biglietti per finanziare e sostenere ulteriori progetti di riqualificazione artistica urbana.
Quindi, approfittatene!

PS: Ovviamente non dimenticatevi di seguire l'artista o chiedere ulteriori dettagli e/o curiosità direttamente a lui! >>
Diego Magrì (gea-staff)
 
PARTECIPA!

Partecipa a GeaTracks

Se conosci un'opera o un'iniziativa artistica, se possiedi una foto migliore, se conosci un dettaglio o un particolare non documentato, se hai rilevato un'inesattezza etc..

contattaci subito!


Aggiorneremo la traccia e - se vorrai - ti citeremo per il contributo.

Aiutaci a raccontare, valorizzare e promuovere il territorio!

 
TOP10 - Le più lette
murales

Un murale, tre donne e una antichissima tradizione orgolese

Barbara Contu,Teresa Podda

Letture: 2942

pedrales

Il pastore a riposo - Orgosolo - Nuoro - Sardegna

Francesco Del Casino

Letture: 2553

 
Fotografi - Copyright

Fotografi (198)

Scatti (948)

 
Ultima ora: Le più lette
 
Ultime pubblicazioni
murales

Loceri sotto le stelle - Omaggio alle tradizioni vinicole

Fabrizio Maccioni,Francesco Argiolu,Mirko Loi,Bobo Piseddu,Massimiliano Ibba,Franco Conca

statue e sculture

Antonio Santacroce

 
Visita e scopri la storia, le tradizioni, i murales, le leggende, le informazioni e tutte le curiosità su Serramanna.
A cura di Paolo Casti