Il cervo sardo-corso - Sardegna


Scritto da gea-staff
pubblicato il 08/01/2018 aggiornato il 09/01/2018
Categoria: cultura e tradizioni
Letture: < 200 ( Aggiornato il: 20/02/2019 02:05 )
cultura e tradizioni
Credits:

Il cervo sardo-corso è una varietà del cervo rosso europeo (Cervus elaphus elaphus Linnaeus), importato nelle due isole (Sardegna-Corsica) dall'uomo per ragioni ancora oggi sconosciute. 

Fino agli anni 50 la sua popolazione, grazie alla conformazione del territorio, ricco di foreste che ne rappresentano l'habitat ideale, era diffusa quasi capillarmente. 

Con il passar degli anni si assistette ad una riduzione drastica dei vari esemplari sia in Sardegna che in Corsica; e le cause erano attribuibili principalmente alla riduzione delle foreste (anche per i continui incendi, ndr) e ad una caccia spietata, nonostante una legge statale del 1939 ne imponesse il divieto. 
Il rischio di estinzione era talmente alto che, a fine anni 60, il cervo sardo venne inserito nella Lista rossa IUCN (animali in via di estinzione). 
Interventi che purtroppo furono tardivi per la Corsica in cui, nel 1969, si registrò la definitiva estinzione. Un episodio funesto che, però, segnò l'inizio di un processo di salvaguardia promosso soprattutto dal WWF Italia e diffusosi in tutta la Sardegna anche grazie all'intervento di varie associazioni e volontari. 

Un'iniziativa importante e determinante per il ripopolamento della specie nell'isola fu l'acquisizione da parte del WWF Italia della Riserva di Monte Arcosu, metà anni 80. Ad oggi, quest'area rappresenta una delle oasi verdi protette più estese di Italia (3600 ettari) e comprende il territorio del Comune di Uta, Assemini e Siliqua.

Oggi la popolazione del cervo sardo viene monitorata e tutelata non solo con la "protezione" di intere aree verdi ma anche con vari interventi mirati come, ad esempio, la realizzazione di appositi prati per il pascolo, indennizzi statali agli agricoltori per coprire eventuali danni alle colture subiti durante il passaggio/pascolo dei cervi o la realizzazione di reti elettrificate e specifici dissuasori acustici.

RIPRODUZIONE RISERVATA - © Copyright, all rights reserved

Tags

#tr639 #sardegna #cervosardo

Scopri tutti gli aggiornamenti

Legenda
Aggiornamento
Indica che c'è un aggiornamento importante che vi consigliamo di leggere.
Seleziona la foto e poi, nella descrizione laterale, clicca su Leggi i dettagli
Aggiornamento
Indica la tua attuale posizione nella gallery
Full Screen
<< Per ovvie ragioni negli articoli non vengono svelati tutti i dettagli delle opere.
Se in zona sono previste visite guidate "autorizzate" vi consiglio vivamente di prenotarle per una full immersion fra colori, informazioni e curiosità (alcune volte trovate i loro banner in questa pagina).
La maggior parte delle associazioni investono le quote dei biglietti per finanziare e sostenere ulteriori progetti di riqualificazione artistica urbana.
Quindi, approfittatene!

PS: Ovviamente non dimenticatevi di seguire l'artista o chiedere ulteriori dettagli e/o curiosità direttamente a lui! >>
Diego Magrì (gea-staff)
 
PARTECIPA!

Partecipa a GeaTracks

Se conosci un'opera o un'iniziativa artistica, se possiedi una foto migliore, se conosci un dettaglio o un particolare non documentato, se hai rilevato un'inesattezza etc..

contattaci subito!


Aggiorneremo la traccia e - se vorrai - ti citeremo per il contributo.

Aiutaci a raccontare, valorizzare e promuovere il territorio!

 
TOP10 - Le più lette
murales

Un murale, tre donne e una antichissima tradizione orgolese

Barbara Contu,Teresa Podda

Letture: 2836

pedrales

Il pastore a riposo - Orgosolo - Nuoro - Sardegna

Francesco Del Casino

Letture: 2442

 
Fotografi - Copyright

Fotografi (198)

Scatti (948)

 
Ultima ora: Le più lette
street-art

Graffiti - Cagliari - Sardegna

La Fille Bertha,Alessio Errante

 
Ultime pubblicazioni
murales

Loceri sotto le stelle - Omaggio alle tradizioni vinicole

Fabrizio Maccioni,Francesco Argiolu,Mirko Loi,Bobo Piseddu,Massimiliano Ibba,Franco Conca

statue e sculture

Antonio Santacroce