Su c’ORU, s’EnNA, su piPIU


Scritto da gea-staff
pubblicato il 08/10/2016 aggiornato il 28/10/2016
Autore: Daniela Frongia Jana S
Categoria: installazioni
Letture: 202 ( Aggiornato il: 19/07/2019 05:05 )
installazioni
Credits:

Questa suggestiva installazione è stata realizzata dall'artista sangavinese, Daniela Frongia, durante una passeggiata ArT(ch)eoLogica nel solstizio d'estate "s'Oru" il 21 Giugno 2015.
L'occasione era un evento d'Arte Contemporanea promosso dall'associazione Boghes nelle
Necropoli Ipogeica loc. Jenn'e Xabisi (Genna Salixi), a Villa Sant’Antonio (OR).

Installazione: albero, libro d’artista, domus, fusi, scrittura su terra.
Materiali: lana lavorata a mano, spighe, steli di grano, paglia, lardiri, rami, legno, foglie, terra.

Il racconto che segue, e la relativa descrizione, è scritta direttamente dall'artista:

<<Un libro è un invito ad entrare in un luogo altro.
E’ una soglia dalle molteplici storie.
Un percorso.
I processi di lavorazione della lana come racconto della vita: Il cuore, la fibra, il bambino.

La prima fase dell’opera, “Su c’ORU”, sviluppa concettualmente le parole cuore e oro; su coru e s’oru.
La lana che scorre sul pettine si dirama come un flusso arterioso luminoso.
Il sole e la luna, avvolti dalle spirali dei cicli lunari, scandiscono il tempo sospeso della bellezza, di quel sublime utile alla contemplazione.
Un filo sottile e perfetto che ci lega alla vita, indissolubile e, al contempo, inutile e prezioso come l’oro.
E’ il primo tassello-metafora della società contemporanea basata sul consumismo della bellezza oggetto, la non osservazione del vivere la bellezza della luce che oltrepassa la materia per trasformarla in oro, come sinonimo di prezioso; è sempre quest’ultima che da forma alla materia disegnando e creando l’oggetto mentale pensato.
L’ultima fase del lavoro dell’artista.

S’Ena, è la fibra della lana, la seconda parte estratta durante la pettinatura, e sviluppa concettualmente le parole fibra e porta; s’ena e s’enna.
Corta e fibrosa. Rappresenta il lavoro, la quotidianità e sta nel mezzo.
E’ quella fase della vita che si mescola tra il piacere, il lavoro e il riposo; la costruzione fisica di un impegno, di un progetto.
E’ quel momento che oltrepassa la soglia di innumerevoli “aperture” mentali.
E’ l’artista che attraversa il suo fare, il suo processo creativo-evolutivo come metafora di un tessuto sociale-visivo.

Su Pipiu, è la morbidezza della lana.
La terza e ultima parte della pettinatura, sviluppata concettualmente con le parole bambino e capelli-peli; pipiu e piu.
Resta li, incastrata nel pettine come piccole nuvole bianche che dialogano tra loro.
E’ il riposo, il sogno, la nostra seconda vita.
Il ritorno, durante la fase del sonno, al grembo materno. Una sorta di morte-rinascita.
La prima “faccia” del cuscino si presenta come un tessuto semplice, la seconda “faccia” invece fa fuoriuscire l’imbottitura interna. I pensieri che fuoriescono dalla mente, il richiamo alla nuova vita che dall'interno si lega con l’esterno; la fase di germinazione dell’opera in nascita dell’idea-pensiero.

Nessuna fase è superiore ad un’altra, bensì sono una parte dell’altra e, completandosi vicendevolmente, stabiliscono nuovi intrecci di un tessuto sociale in evoluzione.>>


Vi proponiamo un video realizzato da Elis Soddeo, a cura dell'associazione Boghes, che documenta la realizzazione dell'installazione da parte dell'artista.


Approfondisci la conoscenza dell'artista e lasciati trasportare nel suo mondo artistico con le sue opere, il fascino delle tradizioni sarde e i suoi vari racconti. Leggi la scheda di Daniela Frongia.

RIPRODUZIONE RISERVATA - © Copyright, all rights reserved

Tags

#villasantantonio #sardegna #italia #danielafrongiajanas #raccontijanas #gennasalixi #necropoliipogeica #librodartista #video #elissoddeo #associazioneboghes #sp37 #senis #tr362

Scopri tutti gli aggiornamenti

Legenda
Aggiornamento
Indica che c'è un aggiornamento importante che vi consigliamo di leggere.
Seleziona la foto e poi, nella descrizione laterale, clicca su Leggi i dettagli
Aggiornamento
Indica la tua attuale posizione nella gallery
Full Screen
<< Per ovvie ragioni negli articoli non vengono svelati tutti i dettagli delle opere.
Se in zona sono previste visite guidate "autorizzate" vi consiglio vivamente di prenotarle per una full immersion fra colori, informazioni e curiosità (alcune volte trovate i loro banner in questa pagina).
La maggior parte delle associazioni investono le quote dei biglietti per finanziare e sostenere ulteriori progetti di riqualificazione artistica urbana.
Quindi, approfittatene!

PS: Ovviamente non dimenticatevi di seguire l'artista o chiedere ulteriori dettagli e/o curiosità direttamente a lui! >>
Diego Magrì (gea-staff)
 
PARTECIPA!

Partecipa a GeaTracks

Se conosci un'opera o un'iniziativa artistica, se possiedi una foto migliore, se conosci un dettaglio o un particolare non documentato, se hai rilevato un'inesattezza etc..

contattaci subito!


Aggiorneremo la traccia e - se vorrai - ti citeremo per il contributo.

Aiutaci a raccontare, valorizzare e promuovere il territorio!

 
TOP10 - Le più lette
murales

Un murale, tre donne e una antichissima tradizione orgolese

Barbara Contu,Teresa Podda

Letture: 2942

pedrales

Il pastore a riposo - Orgosolo - Nuoro - Sardegna

Francesco Del Casino

Letture: 2553

 
Fotografi - Copyright

Fotografi (198)

Scatti (948)

 
Ultima ora: Le più lette
murales

I custodi del Tempo

Giulio Ledda

 
Ultime pubblicazioni
murales

Loceri sotto le stelle - Omaggio alle tradizioni vinicole

Fabrizio Maccioni,Francesco Argiolu,Mirko Loi,Bobo Piseddu,Massimiliano Ibba,Franco Conca

statue e sculture

Antonio Santacroce