Le voci degli Amanti - Caleidoscopio - Roma


Scritto da diema
pubblicato il 07/02/2017 aggiornato il 20/02/2017
Autore: Luis Gomez
Categoria: street-art
Letture: < 200 ( Aggiornato il: 22/11/2019 21:05 )
street-art
Credits:

L'intervento di Luis Gomez rappresenta l'opera simbolo del progetto Caleidoscopio, ideato da Maurizio Mequio e realizzato dagli artisti di Muracci Nostri con il supporto della Asl Rm E.

L'iniziativa artistica mira a ridare lustro e una nuova veste ad un luogo, un tempo, di emarginazione e sofferenza: l'ex Manicomio Santa Maria della Pietà, il manicomio più grande d’Europa. L'area, sulla collina di Monte Mario a Roma, ha un'estensione di circa 130 ettari ed oggi si è "trasformata" nel Parco della Salute e del Benessere.

Il progetto ha coinvolto ventotto artisti nazionali e internazionali che, per tre mesi, hanno decorato alcune facciate e strutture interne all'area.
I primi artisti partecipanti sono stati: Gomez, Jerico, Atoche, X, Sgarbi, Roncaccia, Loiodice, Lommi, Durelli, Beetroot, Gore, Chew Z, Alvarez, Lus57, Cutrone, Russo, Farinacci, Pirone, Kenji, Zinni, Lenzi, Fast, Poeta del Nulla, Carpino, Sbordoni, Sabellico, Carletti, Drao, Noire, Leone, Mobydick, Pino Volpino, Giuliacci e i Pat.

Quelli che oggi, grazie alla legge n. 345 del 1975, si chiamano ospedali psichiatrici prima venivano definiti manicomi ed erano strutture che accoglievano tutte quelle persone che, per la società, venivano etichettate come "pazze", oggi note come malati psichiatrici o mentali.
Non esistevano dei veri e propri approcci medici, e le centinaia di persone che affollavano tali strutture venivano "calmate" con metodi estremamente brutali: dalla lobotomia alla doccia fredda, da strumenti immobilizzatori all'elettroshock, e così via.
Erano metodi attinenti più ad un luogo di tortura che ad una struttura sanitaria, e spesso bastava avere un atteggiamento classificato "violento" per essere destinati in simili strutture.

Alcune testimonianze, in taluni casi frutto di indagine, hanno fatto emergere casi di vere e proprie torture. Ad esempio alcuni pazienti venivano rinchiusi, per ore, in strette gabbie di legno; altri pazienti venivano lasciati per tutto il giorno al freddo senza vestiti o con qualche pezzo di stoffa; altri venivano sottoposti ad idroterapia, docce calde o fredde (tra gli 8 e i 20 gradi) con lo scopo di diminuire le attività cerebrali e fisiche del paziente; altri venivano legati ed immobilizzati ad una sedie per ore; altri ancora, a fronte di una non obbedienza,
venivano "trattati" con la cura dell'acqua: trascinati per terra con un lenzuolo avvolto in testa e versamento di pentole d'acqua in faccia. Altre testimonianze, invece, parlano di denutrizione, uso di camice di forza e frustate con cinghie in metallo etc..
In Italia i manicomi sono stati chiusi nel 1978, grazie alla legge 180.

L'arte, come in questo caso, ha il potere di cambiare le cose trasformando un luogo cupo, per le sue radici e per la sua storia, in un luogo bello da vedere e da vivere per gli stessi romani. Un "lager" che un tempo era caratterizzato da recinzioni inavalicabili, sbarre e restrizioni varie, a tal punto da far diventare pazzo anche chi non lo era effettivamente, oggi è diventata un'area con circa 30 opere artistiche a tema.
L'obiettivo del progetto artistico, infatti, non è quello di oscurare un "pezzo di storia", cancellandola, bensì quella di diffondere la sua conoscenza, di presentare un altro punto di vista e alcune sfaccettature di un mondo sconosciuto ai molti, coinvolgendo attivamente i visitatori e stimolando, in loro, una profonda riflessione.



Data
Ottobre/Novembre 2015


RIPRODUZIONE RISERVATA - © Copyright, all rights reserved

Riferimenti /Ringraziamenti

Luis Gomez (@gomezpainter)

Tags

#tr454 #roma #manicomiosantamariadellapieta #gomezpainted #luisgomez #mauriziomequio #muraccinostri #caleidoscopio #riqualificazione #2015 #levocidegliamanti

Scopri tutti gli aggiornamenti

Legenda
Aggiornamento
Indica che c'è un aggiornamento importante che vi consigliamo di leggere.
Seleziona la foto e poi, nella descrizione laterale, clicca su Leggi i dettagli
Aggiornamento
Indica la tua attuale posizione nella gallery
Full Screen
<< Per ovvie ragioni negli articoli non vengono svelati tutti i dettagli delle opere.
Se in zona sono previste visite guidate "autorizzate" vi consiglio vivamente di prenotarle per una full immersion fra colori, informazioni e curiosità (alcune volte trovate i loro banner in questa pagina).
La maggior parte delle associazioni investono le quote dei biglietti per finanziare e sostenere ulteriori progetti di riqualificazione artistica urbana.
Quindi, approfittatene!

PS: Ovviamente non dimenticatevi di seguire l'artista o chiedere ulteriori dettagli e/o curiosità direttamente a lui! >>
Diego Magrì (gea-staff)
 
PARTECIPA!

Partecipa a GeaTracks

Se conosci un'opera o un'iniziativa artistica, se possiedi una foto migliore, se conosci un dettaglio o un particolare non documentato, se hai rilevato un'inesattezza etc..

contattaci subito!


Aggiorneremo la traccia e - se vorrai - ti citeremo per il contributo.

Aiutaci a raccontare, valorizzare e promuovere il territorio!

 
TOP10 - Le più lette
murales

Un murale, tre donne e una antichissima tradizione orgolese

Barbara Contu,Teresa Podda

Letture: 3083

pedrales

Il pastore a riposo - Orgosolo - Nuoro - Sardegna

Francesco Del Casino

Letture: 2757

 
Fotografi - Copyright

Fotografi (198)

Scatti (948)

 
Ultima ora: Le più lette
opere varie

Cestini artistici a Largo San Giacomo - Messina - Sicilia

Giorgia Minisi,Mariaceleste Arena,Christian Mangano,Ilenia Delfino

 
Ultime pubblicazioni
murales

Loceri sotto le stelle - Omaggio alle tradizioni vinicole

Fabrizio Maccioni,Francesco Argiolu,Mirko Loi,Bobo Piseddu,Massimiliano Ibba,Franco Conca

statue e sculture

Antonio Santacroce

 
Segui anche tu la rivoluzione artistica romana