Emigranti: dedica speciale ai giovani in fuga - Catanzaro


Scritto da messinesedoc
pubblicato il 29/03/2017 aggiornato il 31/07/2017
Autore: Smoe
Categoria: murales
Letture: 363 ( Aggiornato il: 20/02/2019 02:05 )
murales
Credits:

Il murale dell'artista catanzarese Smoe raffigura la storia dell'emigrazione italiana d'inizio secolo in cui milioni di persone decisero di abbandonare la propria terra natia in cerca di fortuna all'estero. E la Calabria fu una delle regioni colpite da questa migrazione di massa.

Negli occhi di molti anziani è ancora vivo il ricordo di quei viaggi interminabili: quei binari o banchine affollate di gente con valige cariche, soprattutto, di speranze. Da una parte saluti malinconici e speranzosi di poter riabbracciare presto i propri figli, e dall'altra parte, la speranza di trovare un futuro migliore miscelata con una serie di timori e di incertezze.
La lunghezza, la monotonia e le stesse condizioni del viaggio rendevano l'avventura un vero e proprio calvario intensificando il dolore per il distacco e la nostalgia di casa. Spesso il viaggio durava anche settimane e si passavano le giornate ammassati nei vagoni e corridoi dei treni o sui pontili e nelle cuccette delle navi. Per tutti l'impatto con la realtà, una volta giunti a destinazione, si rivelava difficile fin dai primi istanti: burocrazia, leggi speciali, controlli medici e amministrativi ne determinavano l'esito della permanenza. Molti venivano respinti e di questi parecchi riprovavano a ritornare sulla terraferma lanciandosi in mare dalle navi impiegate per il rimpatrio, andando - spesso - incontro alla morte. E nei casi in cui venivano accettati le loro condizioni di vita erano abbastanza precarie a causa delle pessime condizioni igieniche e degli ambienti malsani in cui andavano ad alloggiare. Una realtà molto distante da come era stata loro presentata e prospettata o da come l'avevano immaginata e sognata. Per non parlare delle "etichette" che venivano affibbiate soprattutto a siciliani e calabresi.

Smoe è riuscito a carpire questi aspetti e rappresentarli in splendide pennellate. Una sequenza in bianco e nero di 200 metri quadri che pone i riflettori su un argomento di forte attualità, I Viaggi della Speranza, e che tenta di lanciare un messaggio atto a mobilitare l'opinione pubblica invitandola all'accoglienza e all'apertura verso gli altri.

Come la storia ci insegna gli eventi si ripetono ciclicamente e, a volte, a parti invertite. Oggi, infatti, la Calabria è una delle mete degli sbarchi di immigrati. Partendo da questo presupposto i calabresi, come ovviamente gli italiani in generale, avendo vissuto questa piaga in prima persona. dovrebbero comprendere la "disperazione" di un popolo che si avventura nel cosiddetto viaggio della speranza, e dovrebbero essere più tolleranti e propensi all'accoglienza. Di solito si fugge da guerre, violenze e povertà, alla ricerca di nuove opportunità per sè e la propria famiglia. E non dovremmo mai dimenticare che abbandonare la propria terra è sempre un dolore che si porta dentro, nel profondo, anche perchè non tutti hanno, o avranno, l'opportunità di ritornare.

L'intervento artistico, patrocinato dall'Amministrazione Comunale locale, è stato realizzato alle porte della città e ne rappresenta il biglietto di ingresso e di arrivederci.

<< Quando sono rientrato in città - ci racconta Smoe -, ho subito pensato di dare un contributo "colorato" alla mia città e alla Street Art, scegliendo un tema di forte impatto emotivo. Tutto è partito da un'iniziativa personale: ho presentato il progetto in Comune ed è stato approvato con entusiasmo, ho richiesto tutte le autorizzazioni necessarie e, infine, ho anche recuperato gli sponsor per coprire i costi dei vari materiali. >>

Durante la realizzazione dell'opera ci sono stati alcuni intoppi, ma la caparbietà dell'artista e delle persone a supporto di questa lodevole iniziativa hanno consentito di portare a termine questa bellissima opera d'arte a cielo aperto. Un muro che prima era cupo ed anonimo, oggi consente a chiunque di fare un tuffo nel passato e riflettere sul futuro.

"Essere emigrante significa essere in fuga - dedicato a tutti i giovani in fuga", questa è la dedica dell'artista a chiusura dell'opera.
Immedesimiamoci e riflettiamo.

In bocca al lupo a Smoe e all'intera città, Catanzaro.


Il video "ufficiale" di Emigranti:







RIPRODUZIONE RISERVATA - © Copyright, all rights reserved

Riferimenti /Ringraziamenti

SMOE - Facebook (foto e info)
SMOE - Website
Marco Clodomiro (foto)

Ringraziamo per il contributo anche:

(Articolo scritto in collaborazione con lo Staff)

Tags

#tr513 #catanzaro #calabria #italia #murales #smoe #emigrazione #immigrazione #accoglienza #colordesign #storiaitaliana #periodostorico #video #articoloscrittoincollaborazioneconlostaff

Scopri tutti gli aggiornamenti

Legenda
Aggiornamento
Indica che c'è un aggiornamento importante che vi consigliamo di leggere.
Seleziona la foto e poi, nella descrizione laterale, clicca su Leggi i dettagli
Aggiornamento
Indica la tua attuale posizione nella gallery
Full Screen
<< Per ovvie ragioni negli articoli non vengono svelati tutti i dettagli delle opere.
Se in zona sono previste visite guidate "autorizzate" vi consiglio vivamente di prenotarle per una full immersion fra colori, informazioni e curiosità (alcune volte trovate i loro banner in questa pagina).
La maggior parte delle associazioni investono le quote dei biglietti per finanziare e sostenere ulteriori progetti di riqualificazione artistica urbana.
Quindi, approfittatene!

PS: Ovviamente non dimenticatevi di seguire l'artista o chiedere ulteriori dettagli e/o curiosità direttamente a lui! >>
Diego Magrì (gea-staff)
 
PARTECIPA!

Partecipa a GeaTracks

Se conosci un'opera o un'iniziativa artistica, se possiedi una foto migliore, se conosci un dettaglio o un particolare non documentato, se hai rilevato un'inesattezza etc..

contattaci subito!


Aggiorneremo la traccia e - se vorrai - ti citeremo per il contributo.

Aiutaci a raccontare, valorizzare e promuovere il territorio!

 
TOP10 - Le più lette
murales

Un murale, tre donne e una antichissima tradizione orgolese

Barbara Contu,Teresa Podda

Letture: 2836

pedrales

Il pastore a riposo - Orgosolo - Nuoro - Sardegna

Francesco Del Casino

Letture: 2442

 
Fotografi - Copyright

Fotografi (198)

Scatti (948)

 
Ultima ora: Le più lette
street-art

Graffiti - Cagliari - Sardegna

La Fille Bertha,Alessio Errante

 
Ultime pubblicazioni
murales

Loceri sotto le stelle - Omaggio alle tradizioni vinicole

Fabrizio Maccioni,Francesco Argiolu,Mirko Loi,Bobo Piseddu,Massimiliano Ibba,Franco Conca

statue e sculture

Antonio Santacroce