Satriano: La proiezione sul Rumita al MoMa di New York


Scritto da gea-staff
pubblicato il 08/10/2017 aggiornato il 11/10/2017
Autore: Vincenzo Amodeo
Categoria: murales
Letture: 480 ( Aggiornato il: 26/05/2019 10:05 )
murales
Credits: Vincenzo Amodeo

Opera murale realizzata a luglio 2015 dall'artista Vincenzo Amodeo, presidente dell'associazione ArTer, in collaborazione con Mariella Gagliardi, a Satriano di Lucania (PZ) in Basilicata.

L'intervento artistico si ispira alla nuova interpretazione storica di una delle maschere più suggestive e caratteristiche del tradizionale carnevale di Satriano, U'Rumit (il Rumita, l'eremita), rafforzatasi dopo la proiezione della cine-installazione "Alberi" di Michelangelo Frammartino presso il MoMa (PS1) di New York.

Titolo dell'opera: La proiezione sul Rumita a NY.


Questa seconda opera murale realizzata nel 2015 a Satriano di Lucania (PZ) dall'artista Vincenzo Amodeo, presidente dell'associazione ArTer, in collaborazione con Mariella Gagliardi, rende omaggio alla figura carnevalesca del Rumita e, in particolar modo, si ispira alla proiezione della cine-installazione, dal titolo "Alberi", di Michelangelo Frammartino nel 2013 presso il celebre centro di Arte Contemporanea MoMA (PS1) di New York.

I due artisti, dopo aver realizzato il murale intitolato Il rumita struscia ai portoni chiedendo l'elemosina, incoronano (artisticamente parlando, ndr) questa suggestiva maschera con un altro dipinto che suggella la nuova e rivoluzionaria interpretazione storica della figura del Rumita, in dialetto U'Rumit (L'eremita). 
La nuova corrente rinnova ed innova una tradizione secolare per non disperderla nel tempo e per garantirle una nuova vita con le future generazioni.
 
Fino agli anni 2000 il Rumita raffigurava il satrianese che, a causa della sua povertà ed indigenza, si rifugiava nel bosco attorno al paese per nascondersi e vivere, nella semplicità, immerso nella natura. Con l'arrivo della primavera, l'eremita si incamminava verso il paese per bussare alle singole porte e chiedere l'elemosina, completamente avvolto da edera per non essere riconosciuto. Oggi, invece, il Rumita viene accostato all'uomo che ritorna alle sue origini primordiali riscoprendo quel legame speciale con Madre Natura. Un uomo che ama e rispetta la natura; un uomo che abbandona le "colate di cemento", tipico delle città in via di sviluppo, cercando di contrastarle con la messa a dimora di nuovi alberi; un uomo che si immerge e si rifugia (come simbolo di protezione) nella natura abbandonando la città con quel ritmo di vita frenetico, a tratti convulso; un uomo che con l'arrivo della primavera e, di conseguenza, con il risveglio della natura, ne esalta la bellezza festeggiando e riversandosi allegoricamente per le strade del paese. 
Da qui la suggestiva immagine della foresta che cammina, avanza ed invade le vie di Satriano durante il tradizionale carnevale. Il tutto fra riti, musiche e canti tipici locali.

Nell'opera, che potete ammirare in Corso Trieste, i due artisti hanno raffigurato un pubblico che segue la cine-installazione Alberi proiettata - in anteprima mondiale - nel buio della cupola del MoMa PS1 nel 2013, in occasione del Tribeca Film Festival e della Giornata Mondiale della Terra.

La caratteristica di questo filmato di 28 minuti, girato ad Armento, è la mancanza di un "inizio" ed una "fine". Il video, infatti, viene riprodotto in loop con una sequenza di immagini che possono essere ricollegate fra loro in qualsiasi momento dallo spettatore. La sequenza riscopre e rivalorizza un antico rito arboreo e la figura del Rumita che, col tempo e con le nuove generazioni, si stava "estinguendo". 
Il regista ha inizialmente illustrato il bosco e il paese, successivamente, ha presentato come "nasce" l'uomo-albero e la sua camminata verso il paese e, infine, la sfilata per le vie.

Nel 2014 l'associazione Al Parco, che organizza ogni anno la manifestazione folkloristica, ha preso spunto dalla cine-installazione rivitalizzando la figura del Rumita e diffondendo la nuova interpretazione. Fra le varie novità anche l'introduzione dell'evento La foresta che cammina, uno dei momenti più suggestivi delle giornate di festa, in cui i Rumiti partono dal bosco Spera e si riversano nelle vie di Satriano con canti e balli tradizionali.

Associazione Al Parco: << Il regista per la prima volta, realizzando la sua opera artistica, ha vestito 100 Rumita tutti insieme per la scena finale. Noi abbiamo fatto diventare il cinema una tradizione introducendo la foresta che cammina con 131 Rumita - uno per ogni paese della Basilcata - caricando la maschera di nuovi significati. >>

A contorno di questa nuova interpretazione e per rimarcare il rispetto ambientale di cui il Rumita ne è diventano l'ambasciatore, la stessa associazione ha introdotto nuovi e rigorosi principi ecologici anche sull'organizzazione e gestione dell'intera manifestazione: dalla raccolta differenziata al divieto nell'uso di stoviglie monouso, dall'uso di prodotti gastronomici a km zero all'uso di carta promozionale riciclabile, e così via.


Con questa storica e rivoluzionaria operazione di innovazione e rinnovamento Satriano è riuscita a rispolverare e rivitalizzare con nuova linfa un'antica tradizione che stava rischiando di essere dimenticata per sempre.
Non potrebbe essere uno spunto per altre tradizioni ed altre comunità?


RIPRODUZIONE RISERVATA - © Copyright, all rights reserved

Riferimenti /Ringraziamenti



Un mini-trailer della cine-installazione Alberi di  Michelangelo Frammartino: visualizza il video (L'Espresso)

Scopri il primo murale (storia ed interpretazioni) sulla figura del Rumita di Vincenzo Amodeo e Mariella Gagliardi: Il rumita struscia ai portoni chiedendo l'elemosina


Volete partecipare al carnevale di Satriano? Volete diventare uomo-albero per un giorno e vivere questa tradizione dal vivo? In questa pagina troverete tutte le informazoni necessarie: Il programma del carnevale


Tags

#tr594 #satrianodilucania #basilicata #vincenzoamodeo #murales #cineinstallazione #alberi #michelangeloframmartino #moma #newyork #mariellagagliardi #ritoarboreo #associazionearter

Scopri tutti gli aggiornamenti

Legenda
Aggiornamento
Indica che c'è un aggiornamento importante che vi consigliamo di leggere.
Seleziona la foto e poi, nella descrizione laterale, clicca su Leggi i dettagli
Aggiornamento
Indica la tua attuale posizione nella gallery
Full Screen
<< Per ovvie ragioni negli articoli non vengono svelati tutti i dettagli delle opere.
Se in zona sono previste visite guidate "autorizzate" vi consiglio vivamente di prenotarle per una full immersion fra colori, informazioni e curiosità (alcune volte trovate i loro banner in questa pagina).
La maggior parte delle associazioni investono le quote dei biglietti per finanziare e sostenere ulteriori progetti di riqualificazione artistica urbana.
Quindi, approfittatene!

PS: Ovviamente non dimenticatevi di seguire l'artista o chiedere ulteriori dettagli e/o curiosità direttamente a lui! >>
Diego Magrì (gea-staff)
 
PARTECIPA!

Partecipa a GeaTracks

Se conosci un'opera o un'iniziativa artistica, se possiedi una foto migliore, se conosci un dettaglio o un particolare non documentato, se hai rilevato un'inesattezza etc..

contattaci subito!


Aggiorneremo la traccia e - se vorrai - ti citeremo per il contributo.

Aiutaci a raccontare, valorizzare e promuovere il territorio!

 
TOP10 - Le più lette
murales

Un murale, tre donne e una antichissima tradizione orgolese

Barbara Contu,Teresa Podda

Letture: 2901

pedrales

Il pastore a riposo - Orgosolo - Nuoro - Sardegna

Francesco Del Casino

Letture: 2500

 
Fotografi - Copyright

Fotografi (198)

Scatti (948)

 
Ultima ora: Le più lette
opere varie

Cestini artistici a Largo San Giacomo - Messina - Sicilia

Giorgia Minisi,Mariaceleste Arena,Christian Mangano,Ilenia Delfino

 
Ultime pubblicazioni
murales

Loceri sotto le stelle - Omaggio alle tradizioni vinicole

Fabrizio Maccioni,Francesco Argiolu,Mirko Loi,Bobo Piseddu,Massimiliano Ibba,Franco Conca

statue e sculture

Antonio Santacroce

 
L'associazione con lo scopo di raccontare, valorizzare, tutelare, diffondere la cultura e le tipicità di un territorio attraverso le pratiche delle Arti visive, dell'Architettura e dell'Agricoltura.