Roma: Al Pigneto la lupa di Zamoc per Suburra - Netflix


Scritto da gea-staff
pubblicato il 01/11/2017
Autore: Luca Zamoc
Categoria: murales
Letture: 2436 ( Aggiornato il: 19/10/2019 04:05 )
murales
Credits: M.u.RO

L'opera murale realizzata dallo street artist modenese Luca Zamoc (calsse 86) dedicata alla nota serie TV Suburra lanciata da Netflix il 6 ottobre 2017.

L'intervento artistico è stato promosso dalla stessa Netflix Italia che, per la realizzazione, si è rivolta all'associazione M.U.RO - Museo Urban Art Roma.

Street Art? Guerrilla Marketing? 
Al di là delle etichette e di qualche polemica scoppiata sui social con l'intento di "sminuire" l'intervento artistico, la domanda che ci siamo posti è: questo murale è rappresentativo? cela un messaggio? E soprattutto: nel momento in cui finirà la serie TV a cui si ispira, l'opera potrà avere "vita propria"? Beh, noi crediamo proprio di si!

Ma facciamo un piccolo salto indietro nel tempo.

Statua - Netflix - Suburra
Foto postata da Giuseppe Portulano - Facebook

Il 4 ottobre 2017 il risveglio dei romani in Piazza Santa Maria a Trastevere è stato caratterizzato dall'apparizione di una scultura "anonima" con una strana lupa. Una comparsata promozionale a cui ai più attenti non è sfuggita l'associazione con l'uscita della nuova serie TV di Michele Placido, Suburra. Una tecnica di marketing già conosciuta nella Capitale quando, nel 2008, in concomitanza con il lancio della serie Romanzo criminale, all'Eur spuntarono quattro busti raffiguranti i boss della banda della Magliana.

Nella settimana successiva al 6 ottobre, a sorpresa, dopo il successo della prima puntata di Suburra su Netflix, sono iniziati i lavori per un nuovo murale in una mega parete del quartiere il Pigneto a cura dello street artist modenese Luca Zanni, in arte Luca Zamoc. L'artista, contattato dall'associazione M.U.RO, che ha ricevuto l'incarico dalla stessa Netflix, ha raffigurato - attraverso una personalissima visione - il tema trattato dalla serie con una lupa, scarna nel suo aspetto fisico e dallo sguardo provato e disperato, che allatta tre "adulti"
La somiglianza con la statua di Piazza Santa Margherita è stata subito evidente. Infatti la scultura è stata riprodotta da Netflix sulla base del bozzetto murale presentato dallo stesso Zamoc.

A differenza della Lupa capitolina, simbolo romano per eccellenza, che allatta i due gemelli, Romolo e Remo, la lupa dipinta da Zamoc "sfama" tre grandi poteri capitolini. In ordine, da sinistra verso destra: lo Stato, la Chiesa e la criminalità. Una chiara enfatizzazione dei giochi di potere, degli intrighi e degli affari loschi con il Dio Denaro che fanno perno su un sistema di corruzione ben oleato. Una metafora tagliente per denunciare come i tre poteri stanno prosciugando, lentamente, la lupa dall'interno.
Sicuramente non è un'opera che punta sull'esaltazione della bellezza della lupa. Anzi. Se ci riflettiamo bene, forse, è proprio questo l'effetto e il messaggio che ci dovrebbero colpire. 

Conosciamo ed amiamo Roma per la sua "bellezza", i suoi monumenti e la sua antichissima storia. Una bellezza che possiamo associare alla famosa Lupa capitolina, simbolo della fondazione della città, un'allusione a come era Roma agli albori: una lupa in carne, con le mammelle gonfie di latte (simbolo di ricchezza e prosperità) e che sfamava - in tutta la sua imponenza - i due gemelli. Oggi, con la crescita esponenziale della criminalità e la diffusione della corruzione a tutti i livelli, quella famosa bellezza viene - giorno dopo giorno - deturpata. Un cancro che attanaglia la città e la logora dall'interno, fino a ridurla pelle ed ossa. Uno scempio a cui assistiamo quotidianamente e che colpisce nell'orgoglio l'Italia Bene.
Ebbene si, perché questo cancro non riguarda solo Roma, ma la "nostra" intera società. Da Nord a Sud. Dalle grandi città metropolitane ai piccoli paesi.

<< Il murale - ci confida Zamoc - non verrà inaugurato. Dovrebbe durare massimo sei mesi, poi - presumibilmente - verrà cancellato. >>

Quindi, secondo un nostro modestissimo parere, se proprio dovessimo etichettare questo intervento artistico, ci piacerebbe descriverlo come un bellissimo, e riuscito!murale di denuncia sociale. Un messaggio che va oltre la pubblicità della serie TV, bella o brutta che sia, e che dovrebbe farci riflettere

Vogliamo continuare a vivere inermi e ridurre la nostra società come questa lupa?




Curiosità
Avete notato il piccione appollaiato sulla schiena della lupa?



RIPRODUZIONE RISERVATA - © Copyright, all rights reserved

Riferimenti /Ringraziamenti

Luca Zamoc - Sito



Ringraziamo per il contributo anche:

Viviana Longo

Tags

#tr601 #roma #pigneto #lazio #murales #streetart #guerrillaart #guerrillamarketing #lucazamoc #lupadiroma #netflix #suburra #serietv #lupacapitolina #vivianalongo #rosyro #marcogiovannilorocco

Scopri tutti gli aggiornamenti

Legenda
Aggiornamento
Indica che c'è un aggiornamento importante che vi consigliamo di leggere.
Seleziona la foto e poi, nella descrizione laterale, clicca su Leggi i dettagli
Aggiornamento
Indica la tua attuale posizione nella gallery
Full Screen
<< Per ovvie ragioni negli articoli non vengono svelati tutti i dettagli delle opere.
Se in zona sono previste visite guidate "autorizzate" vi consiglio vivamente di prenotarle per una full immersion fra colori, informazioni e curiosità (alcune volte trovate i loro banner in questa pagina).
La maggior parte delle associazioni investono le quote dei biglietti per finanziare e sostenere ulteriori progetti di riqualificazione artistica urbana.
Quindi, approfittatene!

PS: Ovviamente non dimenticatevi di seguire l'artista o chiedere ulteriori dettagli e/o curiosità direttamente a lui! >>
Diego Magrì (gea-staff)
 
PARTECIPA!

Partecipa a GeaTracks

Se conosci un'opera o un'iniziativa artistica, se possiedi una foto migliore, se conosci un dettaglio o un particolare non documentato, se hai rilevato un'inesattezza etc..

contattaci subito!


Aggiorneremo la traccia e - se vorrai - ti citeremo per il contributo.

Aiutaci a raccontare, valorizzare e promuovere il territorio!

 
TOP10 - Le più lette
murales

Un murale, tre donne e una antichissima tradizione orgolese

Barbara Contu,Teresa Podda

Letture: 3043

pedrales

Il pastore a riposo - Orgosolo - Nuoro - Sardegna

Francesco Del Casino

Letture: 2709

 
Fotografi - Copyright

Fotografi (198)

Scatti (948)

 
Ultima ora: Le più lette
 
Ultime pubblicazioni
murales

Loceri sotto le stelle - Omaggio alle tradizioni vinicole

Fabrizio Maccioni,Francesco Argiolu,Mirko Loi,Bobo Piseddu,Massimiliano Ibba,Franco Conca

statue e sculture

Antonio Santacroce

 
Segui anche tu la rivoluzione artistica romana