Il mito della storia di Leucosia - Isola di Licosa


Scritto da gea-staff
pubblicato il 25/01/2018 aggiornato il 07/02/2018
Categoria: miti e leggende
Letture: < 200 ( Aggiornato il: 21/11/2019 14:05 )
miti e leggende
Credits:

Una leggenda locale narra la storia di Leucosia, una bellissima sirena che abitava le acque della baia di Salerno. 

Per le sue sembianze e caratteristiche, metà donna e metà pesce (versione medievale), Leucosia non poteva avvicinarsi agli esseri umani ma, nonostante tutto, si invaghì del principe che alloggiava nel castello lungo la costa.

Ogni notte la giovane sirena si posizionava di fronte la finestra del castello ed attendeva che il principe, come sua consuetudine, si affacciasse per ammirare - malinconico - il mare prima di addormentarsi.

Un giorno la sirena innamorata notò grossi fermenti e preparativi nelle stanze del castello e, ai suoi occhi, non passò inosservato anche il cambiamento nello sguardo del principe che non era più malinconico bensì felice ed entusiasta. A tratti sognante. Ebbe subito il sentore che stesse succedendo qualcosa di tremendo, ma cercò di non pensarci. 

Da lì a qualche giorno il principe si sposò e la sirena lo avvertì.

Quella stessa sera, come se nulla fosse, Leucosia si appostò al solito posto ed attese il principe affacciarsi. Quando, ad un certo punto, lo vide alla finestra tirò un sospiro di sollievo; una gioia però che venne stroncata dopo pochi minuti. Una giovane donna si affacciò al fianco del suo amato ed insieme, abbracciati, ammirarono lo splendido panorama.

Al rientro degli sposini in stanza, la sirena affranta e con il cuore spezzato decise di togliersi la vita. Raggiunse un isolotto nei pressi del castello e si uccise con una pietra affilata dopo essersi colpita il cuore ed aver dedicato un ultimo pensiero al suo amato principe.

Da qui quell'isolotto prese il nome di Licosa, l'isola di Licosa: un lembo di terra con sabbia bianca circondata da un mare limpido e trasparente.

Isola di Licosa


RIPRODUZIONE RISERVATA - © Copyright, all rights reserved

Riferimenti /Ringraziamenti

Foto: Dipinto su tela - Le origini di Napoli (1901)


Tags

#tr671 #miti #leggende #mitogreco #mitodileucosia #isoladilicosa #puntalicosa #versionemedievale

Scopri tutti gli aggiornamenti

Legenda
Aggiornamento
Indica che c'è un aggiornamento importante che vi consigliamo di leggere.
Seleziona la foto e poi, nella descrizione laterale, clicca su Leggi i dettagli
Aggiornamento
Indica la tua attuale posizione nella gallery
Full Screen
<< Per ovvie ragioni negli articoli non vengono svelati tutti i dettagli delle opere.
Se in zona sono previste visite guidate "autorizzate" vi consiglio vivamente di prenotarle per una full immersion fra colori, informazioni e curiosità (alcune volte trovate i loro banner in questa pagina).
La maggior parte delle associazioni investono le quote dei biglietti per finanziare e sostenere ulteriori progetti di riqualificazione artistica urbana.
Quindi, approfittatene!

PS: Ovviamente non dimenticatevi di seguire l'artista o chiedere ulteriori dettagli e/o curiosità direttamente a lui! >>
Diego Magrì (gea-staff)
 
PARTECIPA!

Partecipa a GeaTracks

Se conosci un'opera o un'iniziativa artistica, se possiedi una foto migliore, se conosci un dettaglio o un particolare non documentato, se hai rilevato un'inesattezza etc..

contattaci subito!


Aggiorneremo la traccia e - se vorrai - ti citeremo per il contributo.

Aiutaci a raccontare, valorizzare e promuovere il territorio!

 
TOP10 - Le più lette
murales

Un murale, tre donne e una antichissima tradizione orgolese

Barbara Contu,Teresa Podda

Letture: 3082

pedrales

Il pastore a riposo - Orgosolo - Nuoro - Sardegna

Francesco Del Casino

Letture: 2754

 
Fotografi - Copyright

Fotografi (198)

Scatti (948)

 
Ultima ora: Le più lette
murales

Alice nel paese delle meraviglie

Massimo Cocco,Antonio Russo

 
Ultime pubblicazioni
murales

Loceri sotto le stelle - Omaggio alle tradizioni vinicole

Fabrizio Maccioni,Francesco Argiolu,Mirko Loi,Bobo Piseddu,Massimiliano Ibba,Franco Conca

statue e sculture

Antonio Santacroce