Il Pulcinella di Vico Fico del Purgatorio - Napoli


Scritto da gea-staff
pubblicato il 16/05/2018 aggiornato il 05/07/2018
Autore: Raffaele Esposito
Categoria: statue e sculture
Letture: 286 ( Aggiornato il: 16/06/2019 17:05 )
statue e sculture
Credits: nerobianco_settezero

La statua in bronzo di Pulcinella è stata realizzata nel 2012 dallo scultore e pittore Raffaele Esposito (Napoli, 1957), noto come Lello, e donata alla città di Napoli (Campania) come atto d'amore da parte dello stesso artista partenopeo.

La scultura è stata posizionata in vico Fico del Purgatorio, all'incrocio con via dei Tribunali, e nell'arco di poco tempo è diventata una delle attrazioni più importanti del centro storico. Oltre ad essere quella più fotografata e "toccata".

La nota statua di Pulcinella in bronzo, realizzata da Lello Esposito (Napoli, 1957) e donata alla città di Napoli nel 2012 (23 novembre), è alta un metro e venti e posa su un basamento in pietra installato sotto l'arco antico di vico Fico del Purgatorio, incrocio con via dei Tribunali. Per la sua conformazione si integra perfettamente con l'ambiente circostante a tal punto che, osservandola, si ha l'impressione che il busto bronzeo emerga dal lastricato basaltico della strada e che sia spuntato - magicamente - in concomitanza con la costruzione del vicolo.

Nell'arco di poco tempo dalla sua inaugurazione (23 novembre 2012), la statua è diventata una delle attrazioni più importanti del centro storico, oltre ad essere quella più fotografata e toccata. Infatti come accade per il seno di Giulietta a Verona anche la maschera di Pulcinella negli anni, con l'incessante flusso di turisti e passanti, ha subito un lento logorio. Dopo le consuete foto ricordo ogni visitatori si lascia trasportare dal misticismo che avvolge questa maschera e, come in un rito propiziatorio, le strofina il naso con la mano nella speranza di essere baciato dalla fortuna, così come narra una credenza popolare. Una "caccia alla buona sorte" che, con il passare del tempo, ha fatto venir meno il colore nero del naso lasciando il posto al colore del bronzo sottostante.

In fin dei conti chi è Pulcinella e cosa rappresenta?
La figura di Pulcinella era nota fin dai tempi dell'Antica Roma: indicava una persona opportunista, sfrontata, chiacchierona e perennemente affamata. Con l'avvento del Cristianesimo sparì per poi ricomparire nella metà del 1500, grazie all'attore Silvio Fiorillo, diventando un personaggio teatrale nella commedia napoletana. Fiorillo prese spunto da un contadino di Acerra, Puccio d'Aniello (in napoletano, Pulecenella), che si unì come "buffone" ad una compagnia di girovaghi di passaggio nel suo paese, e ha sempre rappresentato colui che, nonostante le varie avversità della vita, riesce sempre a cavarsela con un sorriso, sbeffeggiando pubblicamente i potenti di turno e svelando i loro intrighi/segreti (da qui, il famoso detto "Il segreto di Pulcinella", ndr). 
Negli anni la maschera è diventata un simbolo di identità locale, fortemente radicata nella cultura popolare e con una lunga e storica tradizione; rappresenta anche l'incarnazione dello spirito di Napoli e dei napoletani con tutte le sue sfaccettature e contraddizioni: l'ironia, la visione della vita disincantata, l'esuberanza, il virtuosismo mimico e così via.

Lello Esposito, che oggi vive fra Napoli e New York, ha iniziato la sua carriera da giovanissimo rivendendo i suoi disegni in una bancarella di via Scarlatti. A distanza di anni, in quella stessa zona, presso le scuderie di Palazzo Sansevero, ha aperto uno degli atelier più importanti e visitati della Campania che attira ammiratori e curiosi da tutto il mondo. 
Pulcinella rappresenta il soggetto più raffigurato dall'artista partenopeo. Il suo primo esemplare risale al 1973 ed era stato realizzato con ferro filato e DAS. 

Pulcinella - Napoli



RIPRODUZIONE RISERVATA - © Copyright, all rights reserved

Riferimenti /Ringraziamenti

Lello Esposito

Ringraziamo per il contributo anche:

nerobianco_settezero

Tags

#tr708 #napoli #campania #statua #scultura #lelloesposito #pulcinella #commedianapoletana #nerobianco_settezero

Scopri tutti gli aggiornamenti

Legenda
Aggiornamento
Indica che c'è un aggiornamento importante che vi consigliamo di leggere.
Seleziona la foto e poi, nella descrizione laterale, clicca su Leggi i dettagli
Aggiornamento
Indica la tua attuale posizione nella gallery
Full Screen
<< Per ovvie ragioni negli articoli non vengono svelati tutti i dettagli delle opere.
Se in zona sono previste visite guidate "autorizzate" vi consiglio vivamente di prenotarle per una full immersion fra colori, informazioni e curiosità (alcune volte trovate i loro banner in questa pagina).
La maggior parte delle associazioni investono le quote dei biglietti per finanziare e sostenere ulteriori progetti di riqualificazione artistica urbana.
Quindi, approfittatene!

PS: Ovviamente non dimenticatevi di seguire l'artista o chiedere ulteriori dettagli e/o curiosità direttamente a lui! >>
Diego Magrì (gea-staff)
 
PARTECIPA!

Partecipa a GeaTracks

Se conosci un'opera o un'iniziativa artistica, se possiedi una foto migliore, se conosci un dettaglio o un particolare non documentato, se hai rilevato un'inesattezza etc..

contattaci subito!


Aggiorneremo la traccia e - se vorrai - ti citeremo per il contributo.

Aiutaci a raccontare, valorizzare e promuovere il territorio!

 
TOP10 - Le più lette
murales

Un murale, tre donne e una antichissima tradizione orgolese

Barbara Contu,Teresa Podda

Letture: 2916

pedrales

Il pastore a riposo - Orgosolo - Nuoro - Sardegna

Francesco Del Casino

Letture: 2524

 
Fotografi - Copyright

Fotografi (198)

Scatti (948)

 
Ultima ora: Le più lette
opere varie

Cestini artistici a Largo San Giacomo - Messina - Sicilia

Giorgia Minisi,Mariaceleste Arena,Christian Mangano,Ilenia Delfino

 
Ultime pubblicazioni
murales

Loceri sotto le stelle - Omaggio alle tradizioni vinicole

Fabrizio Maccioni,Francesco Argiolu,Mirko Loi,Bobo Piseddu,Massimiliano Ibba,Franco Conca

statue e sculture

Antonio Santacroce