Leggenda di Colapesce


Scritto da gea-staff
pubblicato il 15/09/2016
Categoria: miti e leggende
Letture: < 200 ( Aggiornato il: 20/02/2019 02:05 )
miti e leggende
Credits:

La leggenda narra di un certo Nicola (Cola di Messina), figlio di un pescatore, soprannominato Colapesce grazie alle sue abilità nel nuotare e resistere sott'acqua. Al rientro dalle sue numerose e prolungate immersioni Cola si soffermava a raccontare alla sua famiglia e a chi lo conosceva i dettagli delle sue avventure, delle meraviglie viste e dei tesori trovati. La sua fama arrivò all'orecchio del re di Sicilia, Federico II di Svevia, il quale giunto in visita a Messina, lo convocò e lo mise alla prova. Dal bordo della sua imbarcazione lanciò in acqua prima una coppa che Colapesce recuperò rapidamente. Successiamente lanciò la sua corona in un punto ancora più profondo e, anche stavolta, Colapesce riuscì nell'impresa. Al terzo tentativo il re chiese al ragazzo di andare a vedere negli abissi su cosa poggiava l'intera isola. Il ragazzo non esitò e si rituffò in acqua. Quando riemerse spiegò al re che la Sicilia poggiava su tre colonne; due sane ed intatte mentre la terza, quella tra Messina e Catania, era vacillante e piena di crepe a causa del fuoco del vulcano. Di fronte a tale affermazione il re volle una prova concreta e chiese a Colapesce di portare un po' del fuoco presente sotto l'isola. Cola non si tirò indietro, si tuffò in mare, ma non riemerse più. Qualcuno sostiene ch'egli è morto nell'impresa. Altri sostengono che, accortosi del cedimento della terza colonna, sia rimasto sott'acqua reggendo, tutt'oggi, parte dell'isola. Altri ancora che Cola riemergerà solo quando nessun uomo soffrirà per dolore e/o castigo. [Fonti] Nella foto in primopiano è presente un bozzetto in terracotta dell'opera monumentale "Colapesce" realizzata dal Maestro Leonardo Lucchi.

RIPRODUZIONE RISERVATA - © Copyright, all rights reserved

Tags

#leggende #colapesce #leggendacolapesce #strettodimessina #messina #italia #tr343

Scopri tutti gli aggiornamenti

Legenda
Aggiornamento
Indica che c'è un aggiornamento importante che vi consigliamo di leggere.
Seleziona la foto e poi, nella descrizione laterale, clicca su Leggi i dettagli
Aggiornamento
Indica la tua attuale posizione nella gallery
Full Screen
<< Per ovvie ragioni negli articoli non vengono svelati tutti i dettagli delle opere.
Se in zona sono previste visite guidate "autorizzate" vi consiglio vivamente di prenotarle per una full immersion fra colori, informazioni e curiosità (alcune volte trovate i loro banner in questa pagina).
La maggior parte delle associazioni investono le quote dei biglietti per finanziare e sostenere ulteriori progetti di riqualificazione artistica urbana.
Quindi, approfittatene!

PS: Ovviamente non dimenticatevi di seguire l'artista o chiedere ulteriori dettagli e/o curiosità direttamente a lui! >>
Diego Magrì (gea-staff)
 
PARTECIPA!

Partecipa a GeaTracks

Se conosci un'opera o un'iniziativa artistica, se possiedi una foto migliore, se conosci un dettaglio o un particolare non documentato, se hai rilevato un'inesattezza etc..

contattaci subito!


Aggiorneremo la traccia e - se vorrai - ti citeremo per il contributo.

Aiutaci a raccontare, valorizzare e promuovere il territorio!

 
TOP10 - Le più lette
murales

Un murale, tre donne e una antichissima tradizione orgolese

Barbara Contu,Teresa Podda

Letture: 2836

pedrales

Il pastore a riposo - Orgosolo - Nuoro - Sardegna

Francesco Del Casino

Letture: 2442

 
Fotografi - Copyright

Fotografi (198)

Scatti (948)

 
Ultima ora: Le più lette
street-art

Graffiti - Cagliari - Sardegna

La Fille Bertha,Alessio Errante

 
Ultime pubblicazioni
murales

Loceri sotto le stelle - Omaggio alle tradizioni vinicole

Fabrizio Maccioni,Francesco Argiolu,Mirko Loi,Bobo Piseddu,Massimiliano Ibba,Franco Conca

statue e sculture

Antonio Santacroce