Villamar: murale simbolo della stagione artistica anni 70/80


Scritto da gea-staff
pubblicato il 04/12/2017 aggiornato il 22/12/2017
Autore: Gruppo Artistico di Serramanna
Categoria: murales
Letture: 408 ( Aggiornato il: 18/04/2019 14:05 )
murales
Credits: Luciano Lixi

L'opera murale è stata dipinta nell'ottobre 1977 dal Gruppo Artistico di Serramanna a Villamar, nel clou di un periodo storico sardo di fermento popolare.

Anche Villamar fu coinvolta in quel fenomeno artistico, noto nel muralismo sardo, diffusosi in Sardegna a fine anni 60 e che si proponeva di sensibilizzare il popolo contro il dispotismo dei governi, le ingiustizie sociali e la militarizzazione dell'isola con la diffusione delle basi N.A.T.O.

Il promotore locale di questo muralismo di protesta, agli inizi degli anni 70, fu il pittore villamarese Antioco Cotza insieme al suo amico-ospite cileno, Alan Joffré, esponente della Brigata Muralista Salvador Allende fuggito da una atroce condanna emessa dal tribunale di Pinochet per reati politici. 
Antioco Cotza fondò il gruppo Arte e Ambiente insieme ad alcuni amici-artisti di Serramanna (Luciano Lixi, Adriano Putzolu e Ferdinando Medda) con cui avviò - a partire dal 1974 - una serie di iniziative artistiche in tutta la Sardegna in cui non erano rare le collaborazioni fra i vari gruppi: Arte e Ambiente, Gruppo Artistico di Serramanna e la Brigata Muralista Salvador Allende, dove collaborava anche l'altro esule cileno Uriel Parvex.

Quest'opera ne è un esempio. Invitato per l'occasione, il Gruppo Artistico di Serramanna ha dipinto questo storico murale in via Roma (22 ottobre 1997). Anche se molto sbiadita l'opera è ancora oggi visibile.

Il murale oggi

Nel murale è evidente il messaggio antimilitarista contro le basi N.A.T.O e la politica imperialista americana. Riconoscibile lo stile dell'artista serramannese Adriano Putzolu con un pastore sardo dipinto che impugna la falce per abbattere (/scacciare) l'aquila (simbolo dell'America). 

Un altro simbolo che richiama uno dei temi delle proteste sarde degli anni 70/80 è il polo industriale, dipinto a sinistra. In quegli anni lo Stato tentò di ridurre le fonti primarie di sostentamento della Sardegna (pastorizia, agricoltura) impiantando nell'isola alcuni poli industriali (Porto Torres, Sarroch e Ottana) e costringendo la popolazione ad abbandonare le campagne per specializzarsi come manodopera operaia. Un tentativo fallito e con conseguenze deleterie: spopolamento demografico, inquinamento, deturpazione del paesaggio, sfruttamento delle risorse e, nonostante gli ingenti finanziamenti erogati agli imprenditori del Nord, disoccupazione e conseguente emigrazione di massa.


Nella parte destra della parete è presente un'altra opera a cura di Luciano Lixi (1995):

Opera intera - Villamar

RIPRODUZIONE RISERVATA - © Copyright, all rights reserved

Riferimenti /Ringraziamenti


Alan Joffré è un esulo cileno rifugiatosi in Sardegna (Villamar) dopo il Golpe in Cile


Inoltre vi consigliamo una bella lettura sul muralismo di Serramanna: I muri raccontano


Ringraziamenti
Un ringraziamento particolare a Debora Zucca e Paolo Casti (Città di Serramanna) per la preziosa collaborazione nella ricostruzione degli eventi, per le foto inedite e la grande disponibilità (e pazienza!).



Tags

#tr627 #villamar #murales #muralediprotesta #antiamericanismosardo #anticolonialismosardo #antimilitarismosardo #gruppoartisticodiserramanna #adrianoputzolu #antiococotza #alanjoffre #pinochet #brigatamuralistasalvadorallende #lucianolixi #gruppoarteeambiente #urielparvex #muralismosardo

Scopri tutti gli aggiornamenti

Legenda
Aggiornamento
Indica che c'è un aggiornamento importante che vi consigliamo di leggere.
Seleziona la foto e poi, nella descrizione laterale, clicca su Leggi i dettagli
Aggiornamento
Indica la tua attuale posizione nella gallery
Full Screen
<< Per ovvie ragioni negli articoli non vengono svelati tutti i dettagli delle opere.
Se in zona sono previste visite guidate "autorizzate" vi consiglio vivamente di prenotarle per una full immersion fra colori, informazioni e curiosità (alcune volte trovate i loro banner in questa pagina).
La maggior parte delle associazioni investono le quote dei biglietti per finanziare e sostenere ulteriori progetti di riqualificazione artistica urbana.
Quindi, approfittatene!

PS: Ovviamente non dimenticatevi di seguire l'artista o chiedere ulteriori dettagli e/o curiosità direttamente a lui! >>
Diego Magrì (gea-staff)
 
PARTECIPA!

Partecipa a GeaTracks

Se conosci un'opera o un'iniziativa artistica, se possiedi una foto migliore, se conosci un dettaglio o un particolare non documentato, se hai rilevato un'inesattezza etc..

contattaci subito!


Aggiorneremo la traccia e - se vorrai - ti citeremo per il contributo.

Aiutaci a raccontare, valorizzare e promuovere il territorio!

 
TOP10 - Le più lette
murales

Un murale, tre donne e una antichissima tradizione orgolese

Barbara Contu,Teresa Podda

Letture: 2866

pedrales

Il pastore a riposo - Orgosolo - Nuoro - Sardegna

Francesco Del Casino

Letture: 2476

 
Fotografi - Copyright

Fotografi (198)

Scatti (948)

 
Ultima ora: Le più lette
 
Ultime pubblicazioni
murales

Loceri sotto le stelle - Omaggio alle tradizioni vinicole

Fabrizio Maccioni,Francesco Argiolu,Mirko Loi,Bobo Piseddu,Massimiliano Ibba,Franco Conca

statue e sculture

Antonio Santacroce

 
Visita e scopri la storia, le tradizioni, i murales, le leggende, le informazioni e tutte le curiosità su Serramanna.
A cura di Paolo Casti