Il Pastore fonnese


Scritto da gea-staff
pubblicato il 24/01/2018 aggiornato il 29/01/2018
Categoria: cultura e tradizioni
Letture: < 200 ( Aggiornato il: 18/04/2019 14:05 )
cultura e tradizioni
Credits: Stefano Marelli

Nonostante il nome lo circoscrive a Fonni, la razza era diffusa in tutta la Sardegna e le sue origini risalgono fin dall'antichità. 

Si presume che il Pastore fonnese sia nato da un incrocio fra la razza (segugio) utilizzata in epoca romana, importata in Sardegna per "stanare" i ribelli sardi nei boschi, e un mastino originario dell'era nuragica, raffigurato anche in alcuni bronzetti e rinvenimenti archeologici.

Per la sua indole e le sue caratteristiche genetiche, ottimo olfatto e udito finissimo, è sempre stato utilizzato come cane da guardia o da gregge e, in taluni casi, persino da assalto. 

Durante la guerra di Libia (1911-1912), ad esempio, venne utilizzato dall'Esercito Regio a "protezione" degli accampamenti per prevenire e contrastare le incursioni nemiche. 
In quella circostanza il cane veniva addestrato in modo tale da riconoscere la divisa militare italiana e scagliarsi contro quelle arabe/turche. 
Da questa esperienza nacquero le prime sezioni cinofile.

I pastori sardi, dal canto loro, addestravano i cuccioli manipolando e stimolando l'imprinting fin dalla nascita. Infatti, appena nati, i cuccioli venivano fatti crescere lontano dagli umani e a stretto contatto con le pecore da cui venivano allattati. 
In questo modo il cane si identificava nel gregge e, riconoscendo la pecora come "madre", era sempre pronto a difendere la "propria specie" da ogni tipo di attacco: volpi, altri cani e persino dall'uomo.

Nell'isola è anche chiamato cani fonnesu antigu, mentre a Fonni, ane ‘e accappiu (cane da catena o da guardia).
Solo nel 2013 è stato aggiunto nella categoria Pinscher e Schnauzer, Molossidi e cani bovari Svizzeri ed, attualmente, esistono prestigiose ricerche che mirano a valorizzare e preservare il patrimonio genetico di questa razza canina, tipica sarda. In passato la razza ha rischiato persino l'estinzione a causa, soprattutto, della soppressione delle cucciole femmine al fine di impedirne una diffusione "eccessiva e non controllata". La razza era allevata e custodita gelosamente.


Menzioni letterarie

Il pastore fonnese venne anche menzionato, per la sua indole temeraria e implacabile, da letterati come, ad esempio, Gabriele d'Annunzio e Sebastiano Satta.

Gabriele d'Annunzio cita il pastore fonnese in varie opere tra cui Più che l'amore (1906) in cui lo descrive come un fedele amico del protagonista Corrado Brando:

[..] di membra snello, asciutto e muscoloso come quei veltri sardeschi addestrati alla piga contro la bestia e l'uomo [..]"  
( in sardo "sa piga" significa "la presa")

Sebastiano Satta lo decanta con uno scritto in riferimento alla guerra di Libia e al suo utilizzo: 

[..] Cani di Fonni,
vigili sui monti Deserti
al passo dei rapinatori:
Pugnace razza implacabile,
pronti Sempre all’assalto,
come l’aura lievi,
Seguaci come l’ombra,
negli orrori Delle notti ventose,
tra le nevi,
Soli compagni al nomade e al bandito:
 — Il bandito nel fiero odio tenace 
Richiama il suo fedel dogo nutrito Di strage: 
Murrazzànu. .. [..]



RIPRODUZIONE RISERVATA - © Copyright, all rights reserved

Riferimenti /Ringraziamenti

Cane fonnese - Cenni storici


Scopri le opere murali e/o riferimenti dedicati al Pastore: murales - Pastore fonnese

Tags

#tr666 #pastorefonnese #sardegna #fonni #tradizionesarda #vitapastorale

Scopri tutti gli aggiornamenti

Legenda
Aggiornamento
Indica che c'è un aggiornamento importante che vi consigliamo di leggere.
Seleziona la foto e poi, nella descrizione laterale, clicca su Leggi i dettagli
Aggiornamento
Indica la tua attuale posizione nella gallery
Full Screen
<< Per ovvie ragioni negli articoli non vengono svelati tutti i dettagli delle opere.
Se in zona sono previste visite guidate "autorizzate" vi consiglio vivamente di prenotarle per una full immersion fra colori, informazioni e curiosità (alcune volte trovate i loro banner in questa pagina).
La maggior parte delle associazioni investono le quote dei biglietti per finanziare e sostenere ulteriori progetti di riqualificazione artistica urbana.
Quindi, approfittatene!

PS: Ovviamente non dimenticatevi di seguire l'artista o chiedere ulteriori dettagli e/o curiosità direttamente a lui! >>
Diego Magrì (gea-staff)
 
PARTECIPA!

Partecipa a GeaTracks

Se conosci un'opera o un'iniziativa artistica, se possiedi una foto migliore, se conosci un dettaglio o un particolare non documentato, se hai rilevato un'inesattezza etc..

contattaci subito!


Aggiorneremo la traccia e - se vorrai - ti citeremo per il contributo.

Aiutaci a raccontare, valorizzare e promuovere il territorio!

 
TOP10 - Le più lette
murales

Un murale, tre donne e una antichissima tradizione orgolese

Barbara Contu,Teresa Podda

Letture: 2866

pedrales

Il pastore a riposo - Orgosolo - Nuoro - Sardegna

Francesco Del Casino

Letture: 2476

 
Fotografi - Copyright

Fotografi (198)

Scatti (948)

 
Ultima ora: Le più lette
 
Ultime pubblicazioni
murales

Loceri sotto le stelle - Omaggio alle tradizioni vinicole

Fabrizio Maccioni,Francesco Argiolu,Mirko Loi,Bobo Piseddu,Massimiliano Ibba,Franco Conca

statue e sculture

Antonio Santacroce